Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Le salme di Vittorio Emanuele III - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > news > Le salme di Vittorio Emanuele III

discussione

Le salme di Vittorio Emanuele III

diGiulietta Poli

lunedì 18 dicembre 2017

L’ultimo schiaffo dei Savoia

Sono nipote di un ex reduce della Prima Guerra e figlia di ex combattente Seconda Guerra e deportato IMI all’indomani dell’8 settembre1943 e socia ANPI.
Ho appreso con sgomento e raccapriccio la notizia del rientro (clandestino come era stata la loro fuga vigliacca lasciando il nostro Paese prostrato e in stato di guerra civile!) delle salme del “re” Vittorio Emanuele 3 e della sua “augusta “consorte ….Non ho parole!
Io ero contraria all’eliminazione dell’ emendamento della nostra Costituzione che impediva il rientro della sciagurata dinastia dei Savoia in Italia (ex art 13- testo Padri Costituenti ) Vittorio Emanuele 2° consentì rappresaglie inaudite contro i presunti “briganti” del Sud. Nel nome dell’Unità Nazionale!
Suo figlio Umberto 1° operò con crudeltà inumana contro qualsivoglia forma di protesta sociale .

Vittorio Emanuele 3° (“sciaboletta” come definito) non si oppose in alcun modo all’avanzata del fascismo… firmò le famigerati leggi razziali… portò il nostro paese alla guerra ed alla catastrofe totale e non trovò di meglio che fuggire con la sua coorte.
Caliamo drappi pietosi sulla rimanente “dinastia”! !!
Quale diritto…pertanto … di riposare nel Pantheon? Come richiederebbero alcuni “eredi”?
Quale il diritto di” rientrare”, ancorché deceduti, nel nostro Paese? VERGOGNA!!!!!

Riportate, invece, le salme dei caduti che a Cefalonia come a Al Allamein si sono battuti con onore (e senza fuggire!) per la libertà del nostro Paese. Contro il fascismo e contro il nazismo!
La dinastia dei Savoia non ha creato che lutti e che danni … solo l’onore… l’impegno… il sangue dei veri Patrioti ha consentito l’Unità Nazionale alla quale ,ahinoi, alcuni oggi si oppongono. Senza vergogna!
Se è pur vero che il rispetto per i morti è dovuto ,non posso (e non voglio! ) dimenticare i racconti di mio nonno e di mio padre che hanno “donato” a quella sciagurata dinastia gli anni migliori della loro vita!

Giulietta Poli – Ins. scuola Primaria Pubblica