Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Finanziamenti pubblici alle scuole private: 100 milioni nella nuova legge di stabilità - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > news > Finanziamenti pubblici alle scuole private: 100 milioni nella nuova legge (...)

Una Buona Scuola per tutti e di tutti

Finanziamenti pubblici alle scuole private: 100 milioni nella nuova legge di stabilità

di UAAR

lunedì 24 ottobre 2016

Finanziamenti pubblici alle scuole private: 100 milioni nella nuova legge di stabilità

di UAAR

Ogni settimana l’UAAR pubblica una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La clericalata della settimana è del governo, che nella nuova legge di stabilità ha stanziato ulteriori 100 milioni di euro per interventi mirati nelle scuole private, molte delle quali cattoliche

Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha annunciato la destinazione di 1 miliardo di euro per scuola e università, che comprende i 100 milioni riservati a scuole materne e paritarie che hanno insegnanti di sostegno e un numero di disabili rilevante. L’esecutivo già aveva stanziato per il 2016 ben 497 milioni solo per gli istituti privati. Renzi ha affermato che queste scuole “fanno un servizio”, auspicando “che non vi siano polemiche ideologiche”. Il sottosegretario all’Istruzione, il ciellino Gabriele Toccafondi, già noto per il sostegno alle scuole cattoliche, ha esultato perché l’iniziativa “rottama muri ideologici” e “la parità scolastica oggi è più vicina”.

A seguire gli altri episodi raccolti questa settimana.

Diversi parlamentari clericali, tra cui Carlo Giovanardi, Maurizio Gasparri, Roberto Formigoni, Gaetano Quagliariello, e qualche esponente di gruppi integralisti hanno manifestato mercoledì 12 ottobre davanti alla Cassazione, durante l’udienza sul ricorso di una coppia gay che vuole ottenere il riconoscimento anche in Italia di un’adozione già formalizzata negli Usa. I manifestanti hanno lamentato che il diritto alla stepchild adoption possa affermarsi per via giudiziaria, chiedendo l’intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e che sul caso decidessero le Sezioni unite della Corte.

La Prefettura di Milano ha affidato a tempo di record l’assistenza di 300 richiedenti protezione internazionale alla fondazione dei Fratelli di San Francesco, il cui esponenti tonacati erano stati coinvolti in una speculazione finanziaria l’anno scorso. Il capo è accusato di concorso in appropriazione indebita: aveva affidato 50 milioni di euro dell’ordine a un faccendiere, che li aveva investiti in maniera imbarazzante.

L’Ufficio scolastico regionale della Calabria ha concesso il patrocinio alla messa di inizio anno scolastico che si è svolta venerdì 14 ottobre presso la cattedrale di Catanzaro, officiata dall’arcivescovo e con la partecipazione di rappresentanti di alunni e docenti per le scuole della provincia.

Il deputato nonché presidente del Movimento per la Vita Gian Luigi Gigli ha attaccato il Ministero dell’Istruzione, accusato di essere “repressivo e illiberale” per aver mandato gli ispettori, a seguito dello scandalo degli studenti delle scuole campane che invece di fare lezione erano stati precettati con circolari per partecipare alla marcia anti-abortista a Casertadi sabato 8 ottobre.

Il leader della Lega Nord Matteo Salvini, durante un’intervista radiofonica, ha criticato la celebrazione di una unione civile da parte della sindaca leghista di Oderzo (TV) Maria Scardellato. “Sicuramente il primo cittadino non è in linea con quello che fanno tutti i sindaci della Lega e del movimento, che delegano ad altri la scelta di applicare una legge sbagliata”, ha sostenuto Salvini, “Una legge che è l’anticamera delle adozioni gay. La nostra linea è che dove c’è adozione gay, utero in affitto, bambino in vendita non c’è la Lega. Quindi se la sindaca scientemente si è prestata a questo giochino sicuramente ha poco a che fare con la Lega.” Non è comunque il primo caso, una decina di giorni prima la sindaca leghista di Musile di Piave (VE), Silvia Susanna, aveva unito un’altra coppia gay.