Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Algoritmo - USR VENETO - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > news > Algoritmo - USR VENETO

Diritti a scuola

Algoritmo - USR VENETO

da orizzonte scuola

lunedì 17 ottobre 2016

Algoritmo - USR VENETO

Come volevasi dimostrare, il MIUR è stato subissato di ricorsi per la mobilità coatta e senza trasparenza messa in atto ai danni dei docenti in violazione di diritti di precedenza.

Le procedure attivate sono state allungate a dismisura non solo per la suddivisione in fasi della mobilità, ma anche per la chiamata diretta che non ha semplificato ma complicato all’inverosimile l’iter delle assegnazioni in modo che al 1 settembre pochi docenti hanno potuto prendere servizio nella loro sede.

Tuttora gli strascichi della pessima gestione di una procedura, che ogni anno si era svolta sempre abbastanza serenamente con i punteggi derivanti dalle graduatorie, sembrano non avere fine, perché la magistratura sta dando ragione ai docenti che hanno fatto i ricorsi, creando problemi enormi a tutti i uffici scolastici regionali e ai dirigenti scolastici tanto da suscitare le reazioni della direttrice dell’USR Veneto la quale si scaglia contro la magistratura, minacciando addirittura di non dare esecuzione alle sentenze che dovessero pervenire dopo questa settimana .

Questa situazione che ha dell’incredibile è ovviamente frutto di precise scelte politiche che nulla hanno a che vedere con la giustizia.
Di fatto, il famoso algoritmo costato ai contribuenti due milioni di euro, che ha gettato la scuola nel caos, è rimasto non rivelato dalla documentazione fornita dal MIUR, a seguito della richiesta di accesso agli atti fatta sia dalla GILDA che dai Partigiani della Scuola Pubblica.

E anzi ci fornisce il quadro preoccupante di un direttore di un ufficio periferico del MIUR che, pur di non rivolgersi al suo referente gerarchico e al decisore politico, se la prende col potere giuridico che deve essere garanzia dei cittadini nel sanare le pecche derivanti dall’applicazione di una legge, che manifestava i suoi profili di incostituzionalità già mentre era DDL.

Tutto il personale della scuola aveva cercato invano di arrestare il corso di questa legge con migliaia di mozioni, i sindacati con moltissime iniziative e trattative, le associazioni di docenti e cittadini con la raccolta firme per il referendum, i docenti con lo sciopero del 5 maggio, con il blocco degli scrutini, con le impugnazioni regionali ex art. 127 della Costituzione, ma senza esito!
Di fronte ai disservizi vasti e inediti, Il Ministro non è stato rimosso, nè il sottosegretariato Faraone.
E la legge di stabilità, varata ieri, conferma il quadro accusatorio, mosso dal mondo della Scuola fin dall’inizio, si va velocemente verso la privatizzazione con i fondi cospicui destinati alle scuole paritarie, in contrasto con l’articolo 33 della Costituzione.