Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

sull'ora alternativa - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > proposte > sull’ora alternativa

sentenza del tribunale di padova

sull’ora alternativa

scuola pubblica laica

venerdì 14 gennaio 2011

ORA ALTERNATIVA all’IRC

Come, probabilmente, vi è noto, l’anno passato il CESP di Padova ha tenuto un convegno [http://www.cesp-pd.it/doc0910/cesp101209.zip] sui temi inerenti l’ora alternativa all’IRC, producendo materiali ed iniziative, [http://www.cesp-pd.it/audioCESP/rel_coppoli+mion.mp3 ]che sono rimaste sporadiche: solo pochi Istituti Scolastici hanno deliberato di introdurre nel POF tale possibilità. A questo proposito vi sono state importanti sentenze, anche della Suprema Corte, che affermano l’obbligo da parte dell’Istituzione Scolastica di operare in questa ottica, per cui, con piacere, diffondiamo l’iniziativa dell’UAAR.
Per il Cesp di Padova
Giuseppe Zambon

UAAR - UNIONE DEGLI ATEI E DEGLI AGNOSTICI RAZIONALISTI
ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE - NR. 141 DEL REGISTRO NAZIONALE
Membro della IHEU - International Humanist & Ethical Union - e della FHE - Fédération Humaniste Européenne

PRESIDENTI ONORARI:
LAURA BALBO, CARLO FLAMIGNI, MARGHERITA HACK,
DANILO MAINARDI, PIERGIORGIO ODIFREDDI, PIETRO OMODEO,
FLORIANO PAPI, VALERIO POCAR, EMILIO ROSINI, SERGIO STAINO
<http://www.uaar.it/> www.uaar.it - Circolo di Padova: <http://www.uaar.it/padova> www.uaar.it/padova - padova@uaar.it tel. 377-2106765

=====================================================================================

COMUNICATO STAMPA
===================

Garantire le attività alternative alla religione cattolica: primo passo
per la libertà religiosa nella scuola pubblica

Parte venerdì 14 gennaio la campagna UAAR sull’ora alternativa

All’indomani dell’approvazione alla Camera di una mozione per promuovere
’nelle scuole e in ogni ambito culturale, la sensibilità alle tematiche
della libertà religiosa’, e in prossimità della scadenza per le iscrizioni
alle scuole dell’infanzia, del primo e del secondo ciclo, fissata al 12
febbraio 2011 l’UAAR dà il via ad una campagna informativa che va in questa direzione.

Volantinaggi, banner e passaparola su internet, e inserzioni pubblicitarie su quattro settimanali in edicola da venerdì 14 gennaio (L’Espresso, il
Venerdì di Repubblica, Internazionale e Left): l’Unione degli Atei e
degli Agnostici Razionalisti prenderà la parola per dire al cittadino:
"Hai un’alternativa all’ora di religione, fai valere il tuo diritto".
Lo slogan della campagna sarà: "Non c’è più religione, per chi non la
vuole" e si riaggancia ai recenti successi legali dell’associazione sul
diritto all’ora alternativa a quella di religione cattolica.

Non esiste libertà religiosa se non è garantita la libertà dalla
religione. Invieremo inoltre ai dirigenti scolastici di tutte le scuole della provincia
di Padova l’invito a dare a genitori e studenti le informazioni e le
garanzie sul diritto alle attività alternative alla religione cattolica.

<http://www.uaar.it/webfm_send/10> Immagine della campagna

Testo della campagna:

""L’ora alternativa a quella di religione cattolica è un diritto che la
scuola italiana è obbligata a garantire.
Con un’<http://www.uaar.it/uaar/campagne/pr...> ordinanza del 30 luglio 2010,il Tribunale di Padova ha stabilito
che la sua mancata attivazione costituisce “un comportamento discriminatorio
illegittimo”. Viene così riconosciuto un diritto civile, quello di scegliere.
Un diritto che troppo spesso è taciuto o ostacolato, o anche semplicemente non
conosciuto dagli studenti italiani e dalle loro famiglie. Un’importante
vittoria legale dell’UAAR, che da anni si impegna per garantire il
rispetto dei diritti civili dei milioni di cittadini che non
appartengono a una religione.
Hai un’alternativa all’ora di religione. Fai valere il tuo diritto.""

Maggiori informazioni: sito <http://www.oraalternativa.it/> oraalternativa.it

Padova, 14.01.2010 Circolo UAAR di Padova

rel coppoli+mion