Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

LE SPERIMENTAZIONI DELLA GELMINI - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > cobas scuola di padova > LE SPERIMENTAZIONI DELLA GELMINI

riforma nella scuola

LE SPERIMENTAZIONI DELLA GELMINI

chi valuta il valutatore?!

venerdì 24 dicembre 2010

COSA PREVEDONO LE SPERIMENTAZIONI DELLA GELMINI?

Sono state attivate due distinte sperimentazioni; entrambe alla fine dell’anno scolastico forniranno elementi utili al ministro per impostare definitivamente la questione del merito nelle scuole, in linea con la Brunetta per il pubblico impiego. Entrambe prevedono, con percorsi diversi, una differenziazione retributiva per i docenti.

1. VALUTAZIONE DIRETTA DEI DOCENTI:
● Chi partecipa? Il progetto coinvolgerà 20 scuole delle province di Torino e Napoli sorteggiate tra tutte quelle che volontariamente decideranno di aderire alla sperimentazione (NB: il Collegio Docenti si esprimerà solo dopo il sorteggio). Nelle scuole prescelte, i docenti saranno liberi di sottoporsi o meno alla valutazione. Tutto questo avverrà entro dicembre 2010.
● Chi valuta? In ognuna di queste scuole sarà istituito un nucleo di valutazione formato dal Dirigente + 2 colleghi eletti a scrutinio segreto + il Presidente del Consiglio d’Istituto in veste di osservatore.
● Cosa viene valutato? il curriculum vitae + un non meglio precisato documento di autovalutazione + i risultati di questionari di gradimento svolti tra alunni e genitori + delle generiche “qualità desiderabili di un docente” sulla base anche dell’art. 27 del CCLN, cioè “competenze disciplinari, psicopedagogiche, metodologico-didattiche, organizzativo-relazionali e di ricerca, documentazione e valutazione tra loro correlate ed interagenti” (insomma elementi, questi ultimi, tutt’altro che oggettivi)
● Chi vince ? Il 15-20% dei docenti della scuola
● Cosa si vince? Una mensilità lorda in più

2) VALUTAZIONE DELLE SCUOLE:
● Chi partecipa? Il progetto coinvolgerà, su base volontaria, tutte le prime medie delle province di Pisa e di Siracusa
● Chi valuta?I valutatori sono 2 ed entrambi esterni:
a) INVALSI → misurerà il valore aggiunto degli apprendimenti confrontando i risultati dei quiz della quinta elementare, della prima media e della terza media; si terrà conto delle differenze di contesto ambientale delle scuole
b) un team composto da un ispettore + 2 esperti che sottoporranno la scuola a non meglio precisate verifiche esterne sulla base di un protocollo unico
● Cosa viene valutato? INVALSI valuta le competenze, ma non si conoscono i contenuti del protocollo che sarà utilizzato dagli osservatori esterni (pare di capire che si valuteranno organizzazione, gestione, didattica, relazione, ecc., insomma nuovamente elementi tutt’altro che oggettivi)
● Chi vince ? Si faranno 2 graduatorie: una sui risultati INVALSI, l’altra sulla base delle relazioni finali che produrranno gli osservatori esterni: queste relazioni saranno inviate a una commissione tecnica regionale che provvederà a stilare questa seconda graduatoria. La graduatoria finale risulterà dall’integrazione tra le due graduatorie; il Ministro si riserva di decidere quale peso attribuire all’una e all’altra. In ogni caso vincerà il 25% delle scuole che otterranno il punteggio più alto.
● Cosa si vince? La vittoria massima prevista (pare di capire che tra il 25% delle scuole premiate esisterà una gradualità e un rapporto con il numero di docenti presenti) è di 70.000 euro; questi soldi saranno vincolati alla retribuzione di tutto il personale delle scuole vincitrici.

VOGLIAMO SAPERE ALTRO O CI BASTA?
INVITIAMO I COLLEGHI E LE COLLEGHE DI TUTTE LE SCUOLE D’ITALIA A FARE UNO SFORZO DI FANTASIA PROVANDO A CALARE QUESTI MECCANISMI NELLA REALTA’ CONCRETA DELLA PROPRIA SCUOLA, A FIGURARSI DAVANTI AGLI OCCHI I VISI DEI COMPONENTI LA COMMISSIONE O DEI COLLEGHI CHE ACCUSERANNO GLI ALTRI DEL MANCATO SUCCESSO DELLA SCUOLA (CON CONSEGUENTE PERDITA DI STIPENDIO) ………………………………………………………………………………
NON E’ UN INCUBO…
DOBBIAMO IMPEDIRE CHE TUTTO QUESTO DIVENTI LA TRISTE REALTA’ DELLA SCUOLA ITALIANA COMINCIAMO, DA SUBITO, COL RESPINGERE LE PROVE INVALSI (CHE NON SONO AFFATTO OBBLIGATORIE)

Cobas della scuola

Padova, dicembre 2010.