Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Deliberiamo nel Collegio Docenti - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > proposte > Deliberiamo nel Collegio Docenti

proposta

Deliberiamo nel Collegio Docenti

non collaboriamo con l’INVALSI

lunedì 13 dicembre 2010

Sono ormai diversi anni che le scuole italiane vengono sottoposte ai test INVALSI, un sistema di valutazione sostenuto da governi di ogni colore e raccomandato da numerose direttive europee.
I risultati statistici delle prove OCSE-PISA, presentati con grande risalto giornalistico, vengono poi portati a conferma della necessità di introdurre cambiamenti strutturali nelle scuole a partire, dall’introduzione di un sistema di valutazione oggettivo della qualità degli apprendimenti (che è poi come dire della qualità degli insegnamenti, cioè dei docenti)

Deliberiamo nel Collegio Docenti
la non adesione della nostra scuola
alle prove INVALSI

Sono ormai diversi anni che le scuole italiane vengono sottoposte ai test INVALSI, un sistema di valutazione sostenuto da governi di ogni colore e raccomandato da numerose direttive europee.
I risultati statistici delle prove OCSE-PISA, presentati con grande risalto giornalistico, vengono poi portati a conferma della necessità di introdurre cambiamenti strutturali nelle scuole a partire, dall’introduzione di un sistema di valutazione oggettivo della qualità degli apprendimenti (che è poi come dire della qualità degli insegnamenti, cioè dei docenti). I giornali non danno invece nessun risalto a quegli studi che mettono in discussione la scientificità delle prove OCSE-PiSA e dunque la loro validità statistica (vedi bibliografia).
Intanto di anno in anno le prove si sono fatte sempre più invasive: dall’obbligatorietà del quiz in terza media introdotta dal Ministro Fioroni all’allargamento della rilevazione a tutte le classi di tutte le scuole italiane, fino alla somministrazione di un “questionario per lo studente” al limite della schedatura di massa. Tale invasività ogni docente può misurarla nei libri di testo che offrono in misura sempre maggiore strumenti di allenamento ai quiz.
Il tutto nella completa disinformazione dei genitori e nello scetticismo dei docenti che non è mai riuscito però a diventare una chiara e aperta contestazione agli INVALSI e a ciò che essi rappresentano.
Perché gli INVALSI sono pericolosissimi: essi rappresentano uno strumento strutturale e decisivo nella direzione della privatizzazione della scuola italiana e stravolgono quella che storicamente è stata la funzione della nostra scuola pubblica.

vedi allegato

per spunti critici rispetto ai rilevamenti OCSE-PiSA
http://comitatoscuolapubblica.wordpress.com/2010/12/13/merito-a-scuola-e-confindustria/