Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Supplenze - Modalità dei contratti a tempo detrminato nella scuola - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > materiali > Supplenze - Modalità dei contratti a tempo detrminato nella scuola

precari

Supplenze - Modalità dei contratti a tempo detrminato nella scuola

scheda tecnica

domenica 29 settembre 2013

MODALITA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO NELLA SCUOLA

I dirigenti scolastici hanno competenza alla stipula dei contratti di lavoro a tempo determinato per le seguenti tipologie di posti:

1) supplenze annuali (scadenza contratto al 31 agosto) per quei posti non coperti dall’ufficio scolastico provinciale a causa dell’esaurimento delle corrispondenti graduatorie provinciali. Tali supplenze si riferiscono alla copertura di posti in organico di diritto rimasti vacanti e disponibili dopo l’effettuazione della mobilità definitiva ed annuale del personale di ruolo; per il personale ATA anche per tale tipologia di posti si conferiscono supplenze sino al termine delle attività didattiche

2) supplenze sino al termine delle attività didattiche (termine contratto di lavoro al 30 giugno) in caso di esaurimento delle corrispondenti graduatorie provinciali, per la copertura di quei posti (ad orario intero di cattedra o per spezzoni orario di entità superiore a 6 ore) che si rendono disponibili in organico di fatto entro il 31 dicembre, ovvero per assenze del titolare per l’intero anno scolastico (es.: comandi ed utilizzazioni in altri compiti o classi di concorso, assegnazioni provvisorie, mandato politico ed amministrativo, esoneri dal servizio previsti dalla legge per i componenti del CNPI., esoneri ed aspettative sindacali, incarico della presidenza di scuole secondarie, esonero dall’insegnamento dei collaboratori dei dirigenti scolastici, esoneri per la partecipazione a commissioni di concorso);

3) supplenze sino al termine delle attività didattiche per la copertura degli spezzoni orario sino a 6 ore, non utilizzati dagli Uffici Scolastici provinciali e dalle scuole polo per formare delle cattedre orario e restituite alla competenza dei dirigenti scolastici. Tali ore vanno assegnate, prioritariamente, al personale di ruolo in servizio nella scuola con ore a disposizione per non aver trovato l’orario completo in fase di utilizzazione in possesso di abilitazione per la classe di concorso relativa alla disponibilità dello spezzone orario.

vedi allegato