Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

TASSE SCOLASTICHE & contributi volontari - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > cobas scuola di padova > TASSE SCOLASTICHE & contributi volontari

volantino

TASSE SCOLASTICHE & contributi volontari

Cobas scuola del Veneto

giovedì 14 febbraio 2013

TASSE SCOLASTICHE & contributi volontari

A seguito di iniziative sindacali, studentesche e del mondo delle associazioni, nel 2012 è stata emanata una nota (Nota Ministeriale del 20.3.2012, n. 312) che finalmente fa chiarezza, rispetto alla obbligatorietà delle tasse scolastiche e dei contributi, che a vario titolo, vengono richieste dagli Istituti Scolastici; a quanto pare, però, c’è ancora chi fatica a recepirla.

Ecco cosa dice:
-  il contributo versato alle scuole è assolutamente volontario e deve essere indirizzato unicamente all’ampliamento dell’offerta formativa, non al funzionamento amministrativo;
-  la scuola deve tenere distinto il contributo dalle tasse scolastiche, le quali sono obbligatorie unicamente nelle classi quarta e quinta superiore, fatta eccezione per i casi di esonero;
-  le famiglie sono tenute a rimborsare alla scuola le spese sostenute, in particolare quelle per l’assicurazione e le gite scolastiche.
-  le istituzioni scolastiche debbono gestire queste somme con trasparenza ed efficienza;
-  all’atto dell’iscrizione le famiglie debbono sempre essere informate della possibilità di avvalersi della detrazione fiscale (art. 13 della legge n. 40/2007) e sulla destinazione dei contributi;
-  i genitori potranno decidere di contribuire solo a specifiche attività; sono da evitare versamenti indistinti, che lasciano la decisione su come utilizzarli esclusivamente alla scuola;
-  al termine di ciascun anno scolastico le istituzioni scolastiche debbono rendicontare con chiarezza come sono state effettivamente spese le somme e quali benefici ne ha ricavato la comunità scolastica.
Solo dopo i 16 anni, quindi, è obbligatorio pagare le tasse scolastiche al momento dell’iscrizione.
Naturalmente le scuole, colpite dai tagli delle risorse economiche che tutti i governi negli ultimi 15 anni hanno fatto, cercano di reperire quanto è stato loro tolto chiedendolo agli studenti e ai loro genitori: tutto questo, seppur legittimo, scarica sulle famiglie un onere economico ingiusto, a fronte di decisioni governative che invece foraggiano le scuole private, in contrasto con il dettato Costituzionale.

LE MIOPI SCELTE DEI GOVERNI DA CUI CARENZE E DIFFICOLTA’ DELLE SCUOLE DISCENDONO NON DEVONO TAGLIEGGIARE IL PORTAFOGLIO DELLE FAMIGLIE

Cobas scuola del Veneto