Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

L’OLOCAUSTO DEGLI “INIDONEI - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > cobas scuola di padova > L’OLOCAUSTO DEGLI “INIDONEI

COMUNICATO SINDACALE

L’OLOCAUSTO DEGLI “INIDONEI

tagli e ritagli -> il decreto Monti

venerdì 20 luglio 2012

COMUNICATO STAMPA

“AKTION T4”

L’OLOCAUSTO DEGLI “INIDONEI”

Le prime vittime del genocidio nazista furono i malati. Già prima della guerra i nazisti, con il piano T4, diffusero l’idea secondo cui i malati erano una zavorra superflua e dannosa e nel 1935, un libro di testo introdusse subdolamente questo tema in alcuni esercizi di matematica:

Esercizio 97

Un malato di mente costa circa 4 marchi al giorno, un invalido 5,50 marchi, un delinquente 3,50 marchi. In molti casi un funzionario pubblico guadagna al giorno 4 marchi, un impiegato appena 3,50 marchi, un operaio non qualificato neanche 2 marchi per ciascun membro della famiglia. Secondo prudenti valutazioni in Germania ci sono 300 000 malati di mente, epilettici ecc. in case di cura..Quanto costano annualmente costoro complessivamente se per ciascuno ci vogliono 4 marchi?

(E. Collotti, Nazismo e società tedesca (1933-1945), Torino, Loescher, 1982, p. 188)

La revisione di spesa che Monti e i partiti Italiani stanno per approvare definitivamente rappresenta l’ultimo tentativo di ‘liberarsi’, nello stesso subdolo modo, dei docenti che per GRAVI motivi di salute sono stati costretti ad abbandonare le classi ed occupano, ora, posti in Biblioteca, nei laboratori didattici oppure offrono sostegno al piano dell’offerta formativa. Così gli insegnanti saranno ‘obbligati’ a transitare nei ruoli ATA, lavorando nelle segreterie o diventando assistenti tecnici di laboratorio e costretti a svolgere mansioni troppo gravose per le patologie riportate. Per questi motivi molti docenti non riusciranno a svolgere compiutamente quanto loro assegnato, rischiando così il licenziamento.

Ma i docenti “ idonei ad altri compiti” rivendicano il proprio ruolo nella scuola e nella società, perché nonostante non stiano più in classe, non hanno perso il proprio posto di lavoro e ancora svolgono, con passione e dignità, la funzione per la quale hanno acquisito i titoli necessari ad esercitarla.

I docenti “ idonei ad altri compiti” hanno avanzato, peraltro, una concreta proposta alternativa e indicato le risorse specifiche per ottenere i risparmi richiesti: utilizzare, infatti, il finanziamento previsto per le Funzioni strumentali ( figure di supporto al piano dell’offerta formativa nelle scuole ), pari a 100/140 milioni di euro, costituirebbe la possibilità concreta di incamerare le somme necessarie alla revisione di spesa per far rimanere gli “ idonei ad altri compiti” sui posti attualmente occupati.

I COBAS, INSIEME AI DOCENTI “IDONEI AD ALTRI COMPITI”

hanno indetto un sit-in permanente il 23-24-26 luglio presso il Senato

e invitano tutti ad essere presenti dalle ore 10 alle 19

di ognuna delle giornate

poiché in quelle date sarà approvato “AKTION T4”

L’Olocausto degli inidonei