Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

CESP > CONVEGNO: Didattica resistente: ora e sempre resilienza! - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > proposte > CESP > CONVEGNO: Didattica resistente: ora e sempre resilienza!

CORSO DI FORMAZIONE

CESP > CONVEGNO: Didattica resistente: ora e sempre resilienza!

di CESP Bologna

sabato 7 gennaio 2012

CESP

– Centro Studi per la Scuola Pubblica di Bologna -

*Convegno Nazionale*

Bologna – Sabato 25 Febbraio 2012

Scuola elementare Fortuzzi – ore 10-13 e 15-19

Didattica resistente: ora e sempre resilienza!

La didattica sotto assedio nella scuola primaria e le idee per contrastare l’arretramento

vai al link<

Il Convegno si propone come momento di dibattito e collegamento per iniziare un percorso di resistenza-resilienza in rete tra maestre e maestri determinati a riappropriarsi della “didattica” come luogo del conflitto.

Per arrivare al Convegno ricchi di idee e opinioni chiediamo a chi si riconosca nei temi e nei problemi posti di elaborare un contributo alla discussione, individuale o collettivo, entro le 5.000 battute, che verrà riprodotto e diffuso nel sito e a tutti i partecipanti.

Il contributo, centrato sulla didattica e sulla vita nella scuola primaria di oggi, può riguardare tutti i temi del convegno: riflessioni sulla didattica e sotto assedio o idee per una didattica resistente, racconti di relazioni nutrienti oppure difficoltose tra i diversi soggetti a scuola (maestre, bambini/e, bidelli, genitori, dirigenti), punti di vista particolari (l’insegnante di sostegno, il supplente, il/la bambino/a…), descrizioni delle aberrazioni organizzative tradotte dal punto di vista della didattica.

I testi vanno inviati alla mail cespbo@gmail.com entro febbraio e l’organizzazione garantisce la messa in rete e la pubblicazione cartacea per il giorno del convegno.
Le ferite: cronache e anatomie della didattica tagliata e assediata

La vita a scuola e la didattica subiscono giorno dopo giorno le ferite dei tagli di spesa, di tempo scuola, di insegnanti. Facciamone una cronaca plurale, costruiamo una mappa didattica e emotiva del disordine e dello sconcerto che cresce.
Le idee: buone pratiche didattiche, idee nuove, vecchie, rinnovate

Racconti e idee di didattiche di resistenza. Prima di tutto tratte dalla lotta quotidiana nelle classi. Ma anche idee campate in aria, che cercano un futuro. E anche esperienze del passato sconfitto, scegliendo cosa ci può servire per costruire un futuro possibile.
La società: la società che muta… e la didattica che prova a rispondere

Le grandi trasformazioni: digitalizzazione delle esperienze, frammentazione dei saperi, presenza di bambine e bambini migranti, re-genderizzazione, impoverimento di fasce crescenti di popolazione… Come cambia il ruolo della scuola elementare? Come rispondiamo nella didattica?

aggiornamenti

*Aggiornamenti sulla preparazione del Convegno Didattica Resistente, 25
febbraio:la pagina web dedicata
<http://www.cespbo.it/testi/2011_4/o...> *

*La circolare con i modelli per esonero e iscrizione
<http://www.cespbo.it/testi/2012_1/R...> *

*Nuovicontributi al dibattito: Caliceti, Bertani, Picunio, Paselli,
Tommasino, Franchini

<http://www.cespbo.it/testi/2012_1/r...> *

*Due volantini stampabili( 1 )
<http://www.cespbo.it/testi/2011_4/r...> -( 2 )
<http://www.cespbo.it/testi/2012_1/r...> per
coinvolgere le/i colleghe/i e invitare a produrre testi*