Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

ASSEMBLEA SINDACALE 28/09/2011 - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > cobas scuola di padova > ASSEMBLEA SINDACALE 28/09/2011

COMUNICATO SINDACALE

ASSEMBLEA SINDACALE 28/09/2011

per tutti i distretti della provincia di Padova

mercoledì 21 settembre 2011

I Comitati di base della scuola della provincia di Padova indicono una

ASSEMBLEA SINDACALE

per il personale docente e non docente di ogni ordine e grado
da tenersi nell’aula magna del

Itis Marconi, via Manzoni 80, Padova

Ore 11.15 – 13.15 il giorno mercoledì 28 settembre 2011

Per tutti i distretti della provincia di Padova

con il seguente ordine del giorno:

• La sicurezza a scuola e il problema delle aule-pollaio: una proposta di lavoro

• Le manovre finanziarie e la loro ricaduta sul mondo della scuola
• Riduzione dell’ora di lezione a 50/55 minuti: con la riforma non è stata modificata la normativa

• Contrattazione d’istituto: a che punto siamo

• Varie ed eventuali

Tale assemblea è indetta ai sensi dell’art. 8 del CCNL 2006/2009 e del contratto decentrato provinciale. La signoria vostra è pregata di far giungere la presente comunicazione agli interessati, anche di sedi distaccate, di avvisare gli studenti e le famiglie e di affiggere una copia all’albo ai sensi della L.249/68.
Ai sensi del comma 6 dell’art.8 del CCNL 2006/2009 si invita la S.V. per i lavoratori in servizio a tener conto dei tempi necessari per il raggiungimento della sede di assemblea e per il ritorno alla sede di servizio.

Per comunicazioni ed informazioni

Carlo Salmaso

perunaretediscuole@katamail.com

Padova, 21 settembre 2011

Ogni martedì alle ore 18.00 Riunione Cobas scuola Padova e provincia c/o ADL, viale Cavallotti 2, Padova - Tel. 049/692171 - http://www.cesp-pd.it

COMUNICATO SINDACALE

da affiggere all’albo d’Istituto

Assemblee sindacali: un’azione contro la democrazia negata

Sono anni, ormai, che l’organizzazione sindacale Cobas della Scuola insegue la chimera della parità nell’uso dei diritti sindacali all’interno dei luoghi di lavoro, nel nostro caso la scuola. A partire dal rinnovo del contratto per il biennio economico 2000-2001 è comparso un articolo (il 13) che regolamenta le assemblee sindacali: in esso, esplicitamente, si prevedeva che le assemblee potessero essere indette solo dalle OO.SS. maggiormente rappresentative, dalla RSU nel suo complesso e non singolarmente e dalla RSU insieme le OOSS rappresentative. Tale iniqua imposizione è stata integralmente riproposta in tutti i contratti nazionali successivi. I Cobas della Scuola non raggiungono la quota di sbarramento del 5% del personale del settore (frutto della media tra iscritti e voti nelle elezioni per le RSU), quindi sono esclusi da questo diritto e contestualmente i lavoratori sono impediti nell’esercizio del diritto a partecipare – nel limite delle 10 ore spettanti – alle assemblee dell’Organizzazione Sindacale a cui preferiscono presenziare. Questa limitazione, nel corso degli anni, si è fatta sempre più stringente, anche nella nostra provincia e nel Veneto in generale: su ciò abbiamo chiesto e cercato la solidarietà delle altre Organizzazioni Sindacali: nessuno ha mosso una paglia, aldilà di amichevoli pacche sulle spalle. Alcuni nostri rappresentanti hanno fatto anche un lungo sciopero della fame sotto il Ministero della Pubblica Istruzione; si sono approntati ricorsi al Giudice del Lavoro ed anche al Presidente della Repubblica: a tutt’oggi nulla si è modificato. Per questo abbiamo deciso che quest’anno, in cui si andrà anche al rinnovo delle RSU, non possiamo rimanere senza voce nei posti di lavoro, quindi indiciamo e indiremo ASSEBLEE SINDACALI contemporaneamente – così come per altro invitano gli accordi sindacali - a quelle che vengono e verranno indette dalle altre Organizzazioni Sindacali, per permettere ai lavoratori, se i Dirigenti Scolastici dovessero sollevare obiezioni, di aderire nei fatti alle nostre assemblee pur dando adesione sulla carta a quelle delle altre sigle sindacali. Per questa prima volta la concomitanza - 28 settembre 2011 ore 11.15 – 13.15 - è con l’assemblea indetta dalla GILDA: non vuole essere concorrenza sleale, ma è la triste e dura necessità a cui dobbiamo ricorrere per praticare i diritti sindacali più elementari.