Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

20 settembre MOBILITAZIONE di PAS e Cobas della Scuola: REPORT dell'incontro con USR del Veneto del 20 settembre - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > cobas scuola di padova > 20 settembre MOBILITAZIONE di PAS e Cobas della Scuola: REPORT dell’incontro (...)

didattica, diritti a scuola

20 settembre MOBILITAZIONE di PAS e Cobas della Scuola: REPORT dell’incontro con USR del Veneto del 20 settembre

a cura di Chiara di PAS Venezia

martedì 21 settembre 2021, di cesppadova

Incontro USR 20/09/21

- a fronte di un calo di 20.000 studenti negli ultimi 3 anni, il Veneto non ha ridotto gli organici in questi 3 anni

- n. medio di studenti per classe in Veneto è 20. Abbiamo sottolineato che questo dato "falsa" la realtà del problema (perché ci sono scuole nelle zone periferiche con classi di 7-8 bambini), il problema rimane negli ist. superiori

- quest’anno 8.600 posti vacanti, entro il 31 agosto (per la prima volta) sono state fatte 5.200 nomine. Oggi si è chiusa la seconda tornata di nomine

- la maggior parte delle carenze di organico riguarda gli insegnanti di sostegno (qui abbiamo raccolto altre info che vi scriverò)

- la direttrice dell’USR quest’anno ha aumentato di 350 unità di personale ATA, e negli ultimi anni ha mantenuto inferiore a 2 il rapporto tra insegnanti di sostegno e studenti disabili (credo di aver capito che l’aumento degli studenti con disabilità certificata sia stato di 1500 unità). In anni precedenti il rapporto era arrivato almeno al 2,5. Questo aumento di spesa è a carico contabile dell’USR e non del ministero (Stefano confermarmelo)

- provvedimento di concerto ministero istruzione e ministero finanze: attivato un contributo di circa 200.000 € (non complessivo ma per singola richiesta) a favore delle scuole in cui sono presenti almeno 5 classi con almeno 26 studenti e che ne fanno richiesta

- affrontati anche i seguenti temi su cui non riesco ad aggiornarvi ora: concorsi per stabilizzare gli organici collegato al numero delle classi di concorso (circa 100, numero elevato rispetto al resto dell’Europa), problemi per l’abilitazione degli insegnanti di sostegno, quota di precariato insuperabile (relativo ai part-time, aspettative, malattia, gravidanze).

Scusate la super sintesi.