Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Assemblea on line su GREEN PASS a scuola - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > cobas scuola di padova > Assemblea on line su GREEN PASS a scuola

discussione

Assemblea on line su GREEN PASS a scuola

di Cobas Scuola Palermo

martedì 24 agosto 2021, di cesppadova

IL GREEN PASS A SCUOLA NON È PREVENZIONE MA VESSAZIONE

di Cobas Scuola Palermo

ASSEMBLEA REGIONALE ONLINE
MERCOLEDÌ 25 AGOSTO ORE 17.00 --->
https://global.gotomeeting.com/join/516389197

Infatti, per il secondo anno consecutivo nulla è stato realmente fatto per rendere fruibili in sicurezza i trasporti locali (per i quali paradossalmente non c’è obbligo di green pass), nulla è stato fatto di ciò che è necessario per mettere in sicurezza le scuole: diminuire il numero di alunn* per classe e ampliare gli spazi, aumentare proporzionalmente l’organico di docenti e Ata, predisporre lo screening periodico di alunn* e personale. Ne è ulteriore riprova il fatto che il protocollo di sicurezza per l’a.s. 2021/2022 è praticamente identico a quello dello scorso anno tranne che per l’obbligo tassativo del distanziamento di un metro (due metri dalla cattedra) nelle aule, che può essere derogato nel caso in cui limiti strutturali degli edifici scolastici non lo consentano: così, migliaia di edifici pubblici dismessi, che potrebbero essere destinati con piccoli interventi ad uso scolastico, continueranno a rimanere inutilizzati, per mera assenza di volontà politica, nonostante la disponibilità degli ingenti fondi del PNRR, dei quali nulla è stato destinato a questo scopo, mentre si continuano a spendere centinaia di milioni di euro per affittare edifici privati non adatti alle scuole.

Ma, anche con le attuali suddette inadempienze, per prevenire il contagio nelle scuole sarebbe molto più razionale e utile predisporre tamponi periodici gratuiti per tutta la comunità scolastica, come sembrava essere previsto nel protocollo MI-OOSS. Considerando i tempi medi di incubazione del virus prima che si manifesti ai test, basterebbe un tampone alla settimana. E, se si utilizzassero i tamponi salivari, lo screening periodico di tutta la comunità scolastica garantirebbe condizioni di sicurezza, consentendo di circoscrivere tempestivamente eventuali focolai (improbabili se ci sono le condizioni per attivare le altre misure di prevenzione), con test meno invasivi rispetto a quelli rino-faringei.

L’obbligo della certificazione verde per il personale scolastico determina di fatto un obbligo alla vaccinazione: chi può permettersi di perdere la retribuzione o di fare un tampone a pagamento ogni 48 ore?

PER DISCUTERE SU QUESTI TEMI

ASSEMBLEA REGIONALE ONLINE

MERCOLEDÌ 25 AGOSTO ORE 17.00 --->
https://global.gotomeeting.com/join/516389197


qui il link