Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

CONVEGNO CESP a ROMA su INIDONEI - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > proposte > CONVEGNO CESP a ROMA su INIDONEI

tagli e ritagli

CONVEGNO CESP a ROMA su INIDONEI

iniziative e diffida + comunicato stampa

sabato 3 settembre 2011

in allegato il Comunicato Stampa sull’ottimo convegno Cesp svoltosi a
Roma il 17 settembre scorso che ha avuto una ottima partecipazione ( oltre 150 persone) avente come oggetto le problematiche connnesse con il personale
inidoneo.

Docenti Fuori ruolo

( Manovra Economica- art 19 commi 12-13-14-15 )

5.000 docenti obbligati a diventare ATA

- Assistenti di Laboratorio o Assistenti dei segretari –

I docenti che non possono più insegnare per gravi motivi di salute sono stati sino ad oggi utilizzati in attività connesse con l’insegnamento e, nella maggior parte dei casi, occupano posti di Bibliotecari nelle scuole. In Italia ci sono circa 10.500 istituzioni scolastiche ( e circa 40.000 sezioni annesse ), dunque vi sono almeno 10.500 biblioteche, se non vogliamo contare quelle delle sezioni aggiunte, ma il governo invece di raddoppiare il numero dei bibliotecari, utilizzando le competenze degli attuali per far loro formazione, ha deciso di licenziare questi ultimi senza dire cosa farà delle biblioteche.

Tutto ciò è in linea con il totale immiserimento culturale della scuola italiana, diventata semplice addestramento per l’accesso a lavori precari e despecializzati per svolgere i quali è necessario acquisire ‘diffuse’ ma generiche competenze, in modo da non poter pretendere remunerazioni adeguate. Lo dimostra la facilità dell’operazione ‘ transformer’ che riguarda, oggi, più di 5.000 docenti e che domani potrà riguardarne altrettanti, giudicati semmai ‘inidonei all’insegnamento’ perché inadeguati alla scuola del quiz televisivo che sta incombendo sulla cultura italiana e trasformando, a sua volta, l’idea stessa di conoscenza.

Quest’anno la modalità attraverso la quale dovrebbe avvenire l’epocale passaggio è quella di una domanda che gli stessi docenti ‘adibiti allo svolgimento di altre compiti’ dovranno compilare ( con modalità diverse da provincia a provincia che stanno mettendo in difficoltà tutti e creando il caos totale nelle scuole) dichiarandosi ‘disponibili’ ad assumere la nuova qualifica. I posti che occuperanno saranno nel frattempo sottratti a circa 5.000 ATA che non potranno così entrare in ruolo ( in questo modo i tagli per il personale ATA raggiungeranno le 20.000 unità).

In realtà, al di là delle aspettative, l’art. 2 del CCNI del 2008 non ha provveduto ad inscrivere la situazione del personale collocato fuori ruolo in un quadro di certezze, ma semplicemente a spostare il momento della mobilità, e questo momento è arrivato.

Cosa fare?

La legge 104/92 prevede “ agevolazioni lavorative”, infatti il lavoratore o la lavoratrice con grave disabilità, ha diritto:• a non essere trasferito ad altra sede lavorativa senza il suo consenso • a scegliere la sede di lavoro più vicina al luogo di residenza della persona a cui si presta assistenza. Dunque se il personale interessato non compilerà la domanda non potrà essere spostato senza il suo consenso, peraltro l’art 19 della manovra economica sostiene che “chi non presenta la domanda o chi non riesce ad essere immesso nei ruoli ATA viene trasferito d’ufficio presso tali amministrazioni…all’interno della regione…ovvero in altra regione”, ma poiché la stessa legge non ha esplicitamente abrogato le norme vigenti relativamente alla L104, non si potrà essere trasferiti d’ufficio senza il proprio consenso.

I Cobas hanno inviato, in data 28 luglio 2011, una diffida al MIUR e agli USR/USP che così si conclude

Tanto detto, la Scrivente Organizzazione Sindacale,

diffida

il M.I.U.R e per Suo Tramite tutti gli Uffici Scolastici Regionali e Provinciali a non applicare le disposizioni come previste dall’articolo 19, comma 12 D.L.vo 6 luglio 2011 n° 98,dal voler diffondere qualunque indicazione relativamente a date e modalità attraverso le quali il personale “ dichiarato permanentemente inidoneo alla propria funzione,ma idoneo ad altri compiti” produca istanza per assumere la qualifica di assistente amministrativo o tecnico. a definire i criteri applicativi della detta norma, di sospendere i termini per l’invio delle domande per il personale fuori ruolo, e di chiarire i contrasti a livello giuridico e normativo o l’eventuale incompatibilità che emerge tra l’articolo 19 comma 12 del D.L.vo 6 luglio 2011 n° 98 e l’ articolo 10 Legge 12 marzo 1999, n. 68, l’articolo 42 del Dlgs 9 aprile 81/2008,’articolo 21 comma 1 e articolo 33 della legge 104/1992 , nel rispetto dell’Articolo 3 della Costituzione e Articolo 14 della CEDU.

La Organizzazione Sindacale Cobas si riserva sin da ora di adire le vie giudiziarie ritenute più opportune per tutelare i diritti dei propri iscritti. Si confida nella disponibilità del Vostro Operato e si rimane pertanto in attesa di tempestivo riscontro, stante la particolarità della situazione e l’assoluta mancanza di chiarezza sulle procedure da adottare.

Oltre alla diffida generale abbiamo preparato un modello di diffida individuale che, per essere ancora più efficace, sarà consegnata da tutti e tutte gli/le interessati/e nella stessa giornata,il 12 settembre, data di inizio delle lezioni in quasi tutte le regioni.

Non appena uscite le disposizioni applicative della Legge con le quali si tenterà di procedere comunque al trasferimento sui posti ATA , sarà necessario impugnare tali atti attraverso un ricorso ai tribunali competenti.

I COBAS SI IMPEGNANO SIN DA ORA A PERCORRERE TALE STRADA

LOCANDINA CONVEGNO CESP a ROMA su

INIDONEI

vedi allegato