Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

6 SETTEMBRE PRIMO PASSO CONTRO LA MACELLERIA SOCIALE - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > cobas scuola di padova > 6 SETTEMBRE PRIMO PASSO CONTRO LA MACELLERIA SOCIALE

comunicato

6 SETTEMBRE PRIMO PASSO CONTRO LA MACELLERIA SOCIALE

a proposito dello sciopero

mercoledì 31 agosto 2011

NOTA

Questo comunicato diffuso dalla Confederazione Cobas non rappresenta il punto di vista dei Cobas Scuola di Padova, così come è emerso nella prima riunione tenutasi martedì 30/08/2011, così come si evince dal documento di ripresa dell’attività nel Veneto, pubblicato in altra pagina del sito.
In particolare ci colpisce la forzosa ricerca di differenziazione, di autorappresentazione in riferimento alla giornata di sciopero generale proclamato dalla cgil e da larga parte del sindacalismo di base per il 6 settembre, scelta che appare motivata dalla nemicità del patto di stabilità, sottoscritto anche dalla cgil e dalle sottese ragioni politiche che hanno portato all’indizione dello sciopero stesso. Noi riteniamo che aderire alla giornata di lotta non significhi affatto accettare il patto di stabilità ma sia una scelta volta a valorizzare al massimo una prima risposta, il più larga e condivisa possibile, alla macelleria sociale che ci viene prospettata dalla governance europea e del paese, per farne un trampolino di lancio di una stagione di lotta generale sul piano nazionale e continentale.
Quindi, per noi, appuntamento a Mestre, il 6 settembre.

LA CRISI VA PAGATA DA CHI L’HA PROVOCATA

Con le “piazze indignate” verso la manifestazione nazionale del 15 ottobre

La devastante manovra economica del governo Berlusconi-Tremonti-Napolitano è il culmine di tre anni di attacchi alle condizioni di vita e di lavoro dei salariati/e e dei settori più deboli della società. Avevamo detto: "Noi la crisi non la paghiamo" e invece sono proprio le fasce più disagiate ad pagarla mentre coloro che l’hanno provocata, i grandi gruppi finanziari e industriali, sono stati sostenuti dai principali Stati europei che per questo hanno dissanguato le casse pubbliche. Essendo l’attacco generalizzato e continentale, la risposta va sviluppata a livello europeo e in ogni paese deve coinvolgere tutti i settori popolari colpiti. In Italia la manovra é condivisa nella sostanza da governo e opposizione, Confindustria e sindacati concertativi, Napolitano e Draghi. Le polemiche riguardano i dettagli: ed è stato addirittura il PD a denunciare la "pochezza" della precedente manovra che rinviava il grosso dei tagli al 2013-4, chiedendo che essi venissero operati tutti subito. La manovra avrà tempi parlamentari rapidi ma sarà una manovra-monstre permanente, su cui rimetteranno mano ogni volta che i "mercati" vorranno altro sangue popolare.
A manovra permanente va contrapposta lotta permanente, raccordata a livello europeo e coinvolgente non solo i lavoratori/trici "stabili", ma il vasto mondo del precariato, gli studenti, i giovani senza lavoro, il popolo che ha difeso i beni comuni trionfando ai referendum e quello della Val di Susa e gli altri che lottano contro gli scempi ambientali, e tutti i settori disagiati colpiti. L’Italia deve seguire i grandi esempi delle piazze "indignate" egiziane e tunisine, spagnole e greche, cercando un raccordo europeo di massa, di grande visibilità e impatto politico in difesa dei beni comuni, dei salari, dei servizi sociali, con un messaggio unificato, "La crisi va pagata da chi l’ha provocata": e stavolta sul serio.
Per questo proponiamo che venga raccolta la proposta degli "indignados" spagnoli affinché il 15 ottobre scendano in piazza in tutta Europa milioni di persone con parole d’ordine comuni. E dai prossimi giorni dobbiamo organizzare in tutta Italia tante “piazze indignate” in permanenza mobilitate contro l’intera politica economica e sociale del governo, che mantengano viva la protesta al di là dei tempi parlamentari, e preparino la giornata del 15 ottobre, a partire a Roma dalle piazze della Camera (Montecitorio) e del Senato (P.Navona). Questa mobilitazione, se coinvolgerà tutta l’opposizione sociale, potrà poi costruire un maggioritario sciopero generale sociale, che non riguardi solo fasce del lavoro "stabile" e sindacalizzato.
Non va in tale direzione quello convocato per il 6 settembre dalla Cgil. Rispettiamo la scelta di chi vi parteciperà sperando come tante volte in passato in una conversione della Cgil al conflitto. Ma ricordiamo che proprio la sottoscrizione del "Patto per lo sviluppo" con la Confindustria e Cisl-Uil del 28 giugno ha dato via libera alla manovra e alla demolizione degli ultimi diritti dei salariati. La Cgil sciopera perché quel Patto sia recepito nella manovra, cancellando l’interpretazione che il governo ne ha dato nell’art.8: e lo fa in una data e con modalità che impediscono la formazione di un vasto fronte sociale, con scuole e Università di fatto chiuse, con i lavoratori/trici appena tornati dalle ferie, senza preparazione, anche come atto di resa dei conti con le minoranze interne, con una piattaforma in linea con lo sciagurato Patto, in supplenza politica del PD, non per contrapporsi al governo ma per interloquire con esso. E non va verso la costruzione di un fronte alternativo alla manovra l’adesione affrettata allo sciopero Cgil di strutture del "sindacalismo di base" per nulla in grado di influenzare la piattaforma della giornata.
Dunque, i Cobas non parteciperanno allo sciopero Cgil e si concentreranno nelle iniziative sopra indicate, verificando anche nella giornata del 6 la possibilità di costruire "piazze indignate" o iniziative alternative in luoghi e con alleanze che lo consentano.

Confederazione COBAS