Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

MANOVRA ECONOMICA D'ESTATE - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > materiali > MANOVRA ECONOMICA D’ESTATE

proposta

MANOVRA ECONOMICA D’ESTATE

di Sbilanciamoci

giovedì 25 agosto 2011

MANOVRA ECONOMICA D’ESTATE

di Sbilanciamoci

La manovra varata con decreto dal governo Berlusconi è frutto di scelte affrettate e disperate nel tentativo di dare risposte all’aggravarsi della situazione economica e finanziaria e dei mercati internazionali. Ma questo provvedimento, come i precedenti, non affronta e aggredisce in modo strutturale il problema del debito e non mette in campo misure significative per il rilancio dell’economia. Il problema principale è proprio questo:
si affronta la crisi solo sul fronte dei tagli della spesa pubblica prevalentemente la spesa sociale), mentre non vi è nè un’idea, nè una misura credibile capace di rilanciare l’economia, le imprese ed il lavoro in questo paese. Anzi, questa manovra, come la precedente, ha un impatto depressivo e recessivo: conprime la domanda interna, i consumi, i salari e con essi la produzione.
A questi due elementi negativi – l’estemporaneità dei tagli e l’assenza di misure per il rilancio dell’economia- si aggiunge il forte carattere iniquo della manovra che si rivolge contro i lavoratori, in particolare i dipendenti pubblici, i pensionati ed in generale i cittadini: il taglio, pesantissimo, ai trasferimenti agli enti locali e alle Regioni si traduce in minori servizi ed in maggiori tributi per i cittadini. Inoltre la manovra (e non si capisce
cosa abbiano a che fare queste disposizioni con una norma d’emergenza di stabilizzazione della finanza pubblica) colpisce i diritti acquisiti e cancella i diritti dei lavoratori come, di fatto, il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e l’art.18 dello Statuto dei Lavoratori.
Ancora una volta non vi sono significative misure contro l’evasione fiscale o che colpiscano le grandi ricchezze, ed in particolare i grandi patrimoni che sono così salvati dai provvedimenti del governo.
Le stesse misure che sembrano andare in una giusta direzione
risultano ipocritamente limitate, parziali, temporanee e sembrano essere prese proprio per .......................

vai all’allegato