Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

CONTRO LA SCUOLA-MISERIA E LA SCUOLA QUIZ - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > cobas scuola di padova > CONTRO LA SCUOLA-MISERIA E LA SCUOLA QUIZ

COMUNICATO SINDACALE

CONTRO LA SCUOLA-MISERIA E LA SCUOLA QUIZ

sciopero e manifestazione

mercoledì 8 giugno 2011

CONTRO LA SCUOLA-MISERIA E LA SCUOLA QUIZ SCIOPERO DEGLI SCRUTINI

MANIFESTAZIONE A ROMA IL 14 GIUGNO (ore 10) DAVANTI AL MIUR

UNO SCIOPERO E UN VOTO IN DIFESA DEI BENI COMUNI

Dopo il successo della prima fase della battaglia contro la scuola-quiz modello Invalsi, i COBAS hanno indetto lo sciopero degli scrutini per il 14-15 giugno in tutte le Regioni, tranne Marche e Puglia (9-10 giugno), Veneto (10-11 giugno), Liguria e prov. Bolzano (16-17 giugno). Oltre a iniziative in altre città, il 14 manifesteremo a Roma davanti al MIUR a partire dalle ore 10.

E’ uno sciopero contro la scuola-miseria, per la cancellazione dei tagli degli organici di docenti ed ATA, l’assunzione dei precari su tutti i posti vacanti e disponibili, l’apertura immediata della trattativa per il contratto con adeguati aumenti salariali, la restituzione degli scatti di anzianità scippati, contro lo strapotere dei presidi-padroni, per la restituzione a tutti del diritto di assemblea. In continuità con la lotta di maggio, é anche uno sciopero per la fine della pratica illegale dei quiz Invalsi in orario di lezione, l’eliminazione dei quiz nell’esame di Terza Media e per impedire la loro introduzione anche nell’Esame di Maturità dal prossimo anno, come minacciato da Gelmini. Contro lo sciopero si sono scatenati molti presidi-padroni che sempre più si sentono proprietari delle scuole e che, in dispregio degli organi collegiali, degli studenti e delle famiglie, stanno cercando di anticipare il termine delle lezioni, o di far svolgere gli scrutini mentre esse sono ancora in corso. Abbiamo inviato loro, oltre che agli USR e USP, formale diffida perché ristabiliscano la legalità delle operazioni, visto che é fuorilegge - oltre che antisindacale, annullando l’effetto dello sciopero - ogni spostamento degli scrutini prima della fine delle lezioni, dovendosi rispettare il diritto degli alunni/e all’intero anno scolastico e ad una corretta valutazione solo alla fine reale di esso.

La nostra lotta si inserisce in una più vasta difesa dei beni comuni, degli elementi fondanti e collettivi della vita associata, che avrà una tappa decisiva nei due giorni precedenti, quando gli italiani/e saranno chiamati a votare per difendere l’acqua pubblica ed evitare la catastrofica introduzione dell’energia nucleare nel nostro Paese. Facciamo appello ai docenti ed Ata, oltre che ai genitori, e agli studenti che ne hanno la facoltà, affinché il 12-13 giugno vadano a votare SI alla acqua pubblica, all’energia pulita e alla difesa dell’ambiente e perché poi il 14 giugno siano con noi davanti al MIUR per difendere quell’altro grande e decisivo bene comune che è l’istruzione pubblica, sperando di poter anche festeggiare insieme il risultato referendario.

Piero Bernocchi portavoce nazionale COBAS

Roma, 7 giugno 2011