Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Presentazione de "LA RETORICA DELLA GUERRA ...." - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > proposte > Presentazione de "LA RETORICA DELLA GUERRA ...."

discussione

Presentazione de "LA RETORICA DELLA GUERRA ...."

Un libro CESP di Paolo de Marchi

venerdì 3 maggio 2019

Martedì 7 maggio ore 18.00

PRESENTAZIONE AL CIRCOLO Olol Jackson

in via A. da Bassano 5, Padova

de

LA RETORICA DELLA GUERRA nell’anno della neutralità dalle pagine del Il Gazzettino

Neutralismo, interventismo e conflitto sociale in Veneto nell’anno della neutralità (1914-1915) Ricordiamo: non si trattava all’epoca di un giornale veneto tra i tanti, ma dell’unico organo di informazione di portata regionale; non del “giornale della serva” o “’e ciacoe’” come poi sarebbe stato spregiativamente – ma non per questo a torto - chiamato, ma di un giornale affatto inserito nella tradizione liberale post-risorgimentale, donde una stima che aveva potuto solo venire rafforzata dalla ferma opposizione condotta alla guerra coloniale in Libia. ............. Il Gazzettino può giocare un simile ruolo in quanto giornale di spessore regionale stabile e ben radicato che possiede il polso delle situazioni locali e gli umori del suo strato sociale-cultuale di riferimento, così come dei comportamenti in atto al di fuori di questi. Insieme, questi due aspetti - forse non sempre adeguatamente al centro della storiografia in materia – contribuiscono a rendere distinta e ben identificabile la ricerca condotta dall’autore. Lo si vede quando tratteggia sicuro la figura di Alfredo Rocco, di cui coglie appieno l’importanza, e la utilizza per spiegarci il come la forza politico-culturale (quella nazionalista) che si era trovata, all’inizio del conflitto, più nelle peste di altre, diventi un collante forte dell’interventismo; chi era contro le manifestazioni di piazza ne diventi l’agiografo, il traghettatore verso la violenza diffusa e mirata; tutto ciò a partire dal rifiuto, che è proprio del Veneto, della rottura con gli irredentisti stabilita ancora nel corso del 1914 dai livelli nazionali del movimento nazionalista. Un rifiuto e una assunzione di autonomia poi rivelatisi, come Paolo De Marchi ci conduce a vedere attraverso la stampa, vincenti. dalla prefazione di Lauso Zagato [vedi allegato]

qui il video su youtube della presentazione

Chi è interessato ad avere copia/e del volume, anche per scopi didattici, contatti via email il CESP del Veneto [info@cesp-pd.it] o l’autore [paolodemarchi54@gmail.com].