Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

il 15, 17, 21 Marzo a Padova, il 23 a Roma per l'ambiente, la solidarietà, l'uguaglianza e il futuro - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > proposte > il 15, 17, 21 Marzo a Padova, il 23 a Roma per l’ambiente, la solidarietà, (...)

discussione

il 15, 17, 21 Marzo a Padova, il 23 a Roma per l’ambiente, la solidarietà, l’uguaglianza e il futuro

con alcune foto di Massimo Sormonta

venerdì 22 marzo 2019

il 15, 17, 21 Marzo a Padova, il 23 a Roma per l’ambiente, la solidarietà, l’uguaglianza e il futuro

di Cobas Scuola e CESP Padova

E’ stato un mese intenso questo marzo per Padova, il Veneto e tutta Europa. Si sono susseguite manifestazioni importanti, alcune sorprendenti, quella di Libera immensa, a cui hanno partecipato con nuovo protagonismo molti giovani, una nuova generazione sensibile ai temi ambientali, della solidarietà, dell’accoglienza, dell’uguaglianza tra diversi, per censo, costume, cultura e affettività.
Siamo felici di aver partecipato e contribuito a queste gioiose prese di parola, di strada e di piazze che hanno pulito il clima carico di odio con il vento puro di una moltitudine di sorrisi.

Le foto che seguono sono di Massimo Sormonta, che ringraziamo.

....L’onda d’urto degli studenti in marcia contro l’irresponsabilità delle classi dirigenti di tutto il mondo ieri (venerdì 15 marzo, ndr) ha dato la prima prova della sua forza, ma è solo al suo inizio. Per capire gli sconvolgimenti che è destinata a provocare nell’establishment basta forse il quotidiano Repubblica; fino a tre giorni fa riempiva le prime pagine con titoli di scatola e foto smisurate a sostegno del TAV Torino-Lione, come se da esso dipendessero le sorti, se non del pianeta, certamente del paese; da tre giorni fa altrettanto con la marcia per il clima Friday for Future e il suo simbolo, Greta Thunberg. Forse conta di assorbirne lo spirito di rivolta con qualche pacca simbolica sulle spalle di “tanti bravi giovani”, per riprendere, passata la tempesta, l’amata battaglia pro Grandi opere. Così la pensa sicuramente il neosegretario del PD Zingaretti, che ha dedicato la sua vittoria a Greta e poi è andato a complimentarsi con quelli del cantiere del Tav; prova, per lo meno, di dissociazione mentale. D’altronde la schiera dei camaleonti che faranno finta di salire sul carro di Greta sarà un vero esercito. Ma non riusciranno a prendere in giro questi ragazzi come hanno fatto per anni con i loro genitori. “Forse non ci hanno capiti”.....

di Guido Viale