MPI
USR Veneto
USP Padova
Comune Padova
Provincia Padova
Regione Veneto
Italia - servizi
Europa


Centro Studi per la Scuola Pubblica
via Cavallotti 2 - Padova
tel.049692171 - fax.0498824273
email: info@cesp-pd.it



CESP nazionale
CESP Bologna
Scuola e Costituzione
Rete Scuole
Comitato genitori
Ass. per i diritti dei lavoratori
Cobas della scuola
Normativa
  

Sito dalla scuola e per la scuola bene comune, di tutti e per tutti.
Se vuoi ricevere INFO_azione a cura del CESP di Padova invia una mail qui oppure visita il forum

mercoledì 12 settembre 2018, di cesppadova

discussione

L’anno scolastico che verrà

di Roberto Ciccarelli


L’anno scolastico che verrà

di Roberto Ciccarelli dal manifesto.it

I 469.799 maturandi del 2019 sono stati graziati. Nel decreto milleproroghe sono stati inseriti due emendamenti che hanno svincolato i quiz Invalsi e l’alternanza scuola lavoro dall’esame di Stato. L’applicazione delle norme della Buona Scuola renziana è stata rinviata di un anno, ma non cancellata.

Sull’alternanza scuola lavoro il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ha annunciato un dimezzamento delle 200 ore obbligatorie per i licei e una maggiorazione delle 400 previste per gli studenti degli istituti tecnici. «Non voglio che sia un apprendistato occulto» ha detto. Lo sarà anche per quest’anno per 100 ore per i licei – che saranno obbligati a farle – e per le 400 già previste per i tecnici-professionali. L’alternanza resta, anche se perde l’illusoria «uguaglianza» tra liceali e professionali, così come resta la «scuola a quiz» dell’Invalsi, pilastro della pedagogia neoliberista. È il governo delle mezze misure, non delle decisioni prese in ragione di una visione globale. E dire che i 5 Stelle – che avrebbero la quota di maggioranza nel governo «del cambiamento» – avevano addirittura promesso l’abolizione della Buona scuola.

Insieme alla direttiva propagandistica «legge e ordine» di Salvini «anti-spacciatori», sono le principali novità dell’anno scolastico, al via nelle principali regioni italiane, con quasi 8 milioni di studenti: 2.635 milioni liceali, 2.498 milioni bambini della primaria, 1.629 milioni studenti delle medie, 919 mila negli asili statali. Inizia la scuola dove un istituto su tre non è a norma ed è a rischio. Il nuovo governo ha promesso 7 miliardi di euro per «le certificazioni degli edifici». Sempre che siano spendibili, ne servirebbero il doppio: 14 miliardi . «Lo sblocco dei fondi è fumo negli occhi» sostiene Giulia Biazzo dell’Uds, che scenderà in piazza il 12 ottobre e rivendicherà anche il «reddito di formazione per tutti».

Ricomincia la scuola delle diseguaglianze dove i docenti hanno gli stipendi più bassi. Secondo il rapporto Ocse «Uno Sguardo all’Istruzione», nel 2016 gli stipendi degli insegnanti corrispondevano al 93% del loro valore rispetto al 2005. Netto è il divario con la retribuzione dei dirigenti scolastici: sono il doppio. Restiamo il paese che investe meno in istruzione: il 3,9% del Pil contro il 5% medio dei Paesi industrializzati e il 4,6% della Ue.

Ricominciano anche le proteste dei docenti precari. Ieri a Montecitorio Anief, Cobas, Cub e Sgb hanno manifestato con 500 insegnanti precari. Sul tavolo c’è la salvaguardia di 7 mila diplomati magistrali ante 2001-2 e di 45 mila prof inseriti con riserva nelle Graduatorie a Esaurimento (GaE). Hanno chiesto «l’inserimento nelle Gae di tutti gli abilitati» e la «modifica delle regole sui trasferimenti per sanare gli effetti nefasti della Buona Scuola» dice Piero Bernocchi (Cobas).

In estate era passato un emendamento di Liberi e Uguali al milleproroghe che avrebbe risparmiato il licenziamento tra un anno. Il governo lo ha cassato e ora la fiducia impedisce la discussione. «Lo riproporremo nella legge di bilancio» annuncia Nicola Fratoianni. Di parere opposto i 5 Stelle: «Avrebbe accresciuto il precariato – sostengono Alessandra Carbonaro e Lucia Azzolina – Vogliamo esaurire le graduatorie e bandire nuovi concorsi». «Il problema non è esaurire le graduatorie ma riempirle appena esaurite – replica Marcello Pacifico (Anief) – Se al termine delle immissioni in ruolo, il 60% delle cattedre restano deserte non è perché non abbiamo insegnanti giovani ma perché la politica li lascia invecchiare tra i banchi senza assumerli».

Bookmark and Share