Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

CONTRO LE IDENTIFICAZIONI ETNICHE E RAZZIALI, PER UNA SCUOLA INCLUSIVA - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > proposte > CONTRO LE IDENTIFICAZIONI ETNICHE E RAZZIALI, PER UNA SCUOLA (...)

documentazione

CONTRO LE IDENTIFICAZIONI ETNICHE E RAZZIALI, PER UNA SCUOLA INCLUSIVA

MOZIONE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DELL’ I.I.S. M. POLO-LICEO ARTISTICO" DI VENEZIA

mercoledì 20 giugno 2018

MOZIONE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DELL’ I.I.S. M. POLO-LICEO ARTISTICO" DI VENEZIA

CONTRO LE IDENTIFICAZIONI ETNICHE E RAZZIALI, PER UNA SCUOLA INCLUSIVA

Il Collegio dei Docenti dell’ "I.I.S. M. Polo-LICEO ARTISTICO", ben consapevole del ruolo che ogni docente svolge nelle classi dove insegna, indipendentemente dalle materie che insegna, ribadisce che la funzione che la scuola svolge è quella d’insegnare l’apertura a qualsiasi forma di cultura che sia portatrice dei valori di pacifismo, legalità, antirazzismo e di rispetto della Costituzione, affinché mai possano né ripetersi né presentarsi, anche lontanamente, le condizioni per il ripetersi delle pagine peggiori della storia europea e italiana del XX secolo.

La nostra funzione non è solo quella di meri ripetitori, amorfi ed afoni, di nozioni vuote, ma è quella di testimoniare, nel momento opportuno, quando serve e prima degli altri, il rifiuto di qualsiasi schedatura, anagrafe, elenco, che rinvii, anche lontanamente, ad elenchi etnici, razziali, politici, sessuali, che servano ad escludere chiunque, a segnarlo, stigmatizzarlo, a renderlo "altro", espellerlo da una comunità come quella della scuola, che è comunità includente. Il nostro ruolo è anche quello di richiamare qualsiasi istituzione dello Stato al rispetto di questi valori.

Questo nostro ruolo viene prima di qualsiasi altro imperativo.

Prima di qualsiasi ruolo pubblico o posizione politica, di qualsiasi ruolo che si svolge dentro un’Amministrazione dello Stato, prima di qualsiasi legge o pulsione politica, viene il ruolo inclusivo che noi svolgiamo, quotidianamente, dentro la scuola.
Questo ruolo ci impone di ribadire che non collaboreremo mai con nessuna politica e atto amministrativo compiuto per identificare su base etnica, culturale, razziale, sessuale, per il rispetto che dobbiamo alla nostra funzione e per l’impegno che abbiamo preso, come funzionari pubblici, di fronte la Costituzione repubblicana che ci siamo impegnati a rispettare e testimoniare, sempre.

Venezia, 19 giugno 2018