MPI
USR Veneto
USP Padova
Comune Padova
Provincia Padova
Regione Veneto
Italia - servizi
Europa


Centro Studi per la Scuola Pubblica
via Cavallotti 2 - Padova
tel.049692171 - fax.0498824273
email: info@cesp-pd.it



CESP nazionale
CESP Bologna
Scuola e Costituzione
Rete Scuole
Comitato genitori
Ass. per i diritti dei lavoratori
Cobas della scuola
Normativa
  

Sito dalla scuola e per la scuola bene comune, di tutti e per tutti.
Se vuoi ricevere INFO_azione a cura del CESP di Padova invia una mail qui oppure visita il forum

mercoledì 28 marzo 2018, di cesppadova

Diritti a scuola

Minacce e 7 in condotta

di Collettivo Vittorio Emanuele II


Minacce e 7 in condotta per un cartellino di dissenso all’alternanza scuola-lavoro. Ma veramente#FAI?

di Collettivo Vittorio Emanuele II - Napoli

Domenica 25 marzo è giornata FAI, musei aperti e volontari a far da guida. C’è qualcuno, però, che non lo fa per passione o per libera scelta, e siamo noi, studenti e studentesse dell’#alternanzascuolalavoro. Noi della VB del Vittorio Emanuele II sabato, tornati dal viaggio d’istruzione, abbiamo comunicato che quasi nessuno il giorno dopo sarebbe andato all’alternanza, per la stanchezza, perché abitiamo lontano dal centro, per studiare, per pranzare in famiglia. Il problema della coincidenza con il ritorno dal viaggio lo avevamo già fatto notare un mese prima, ma il giorno non era stato cambiato. Subito sono arrivate, tramite i professori, minacce di seri provvedimenti disciplinari da parte della dirigenza, così abbiamo deciso di andare, ma portando con noi un simbolo di protesta. Mentre svolgevamo il nostro lavoro di guide, al posto del cartellino FAI con su scritto che siamo degli studenti volontari, ne abbiamo messi alcuni fatti da noi per denunciare il fatto che fossimo non volontari ma obbligati per l’alternanza scuola-lavoro. Abbiamo scoperto che è un metodo di protesta eccezionale e molto comunicativo: le persone, interessate, chiedevano ulteriori spiegazioni e quasi sempre si complimentavano. La delegata del FAI invece non la pensava allo stesso modo: ha provato a strappare il cartellino ad una ragazza, ci ha minacciati addirittura di non ammissione all’esame, dicendo che stavamo infangando le giornate FAI, che sarebbe stato meglio se ce ne fossimo andati, che quello non era sfruttamento. Ha chiamato la preside e i nostri professori, che si sono precipitati al museo e così le discussioni sono diventate sempre più accese. Intanto i visitatori ci davano ragione e hanno anche lasciato commenti positivi sui registri. Mentre domenica la cosa è finita con un paio di minacce, oggi lunedì la stessa delegata FAI è venuta a scuola a raccontare l’accaduto e a pretendere provvedimenti disciplinari. Alla docente tutor è stato detto di essere un’incapace e di non aver saputo gestire la situazione, e che i cartellini avrebbe dovuto farceli togliere subito. I nostri professori sono stati chiamati dalla preside e ci è stato comunicato che tutta la classe avrà una nota disciplinare e il 7 in condotta a fine anno. Oltre al danno, insomma, anche la beffa: costretti la domenica in un museo e pure sanzionati per aver espresso dissenso. Ci sentiamo di fronte ad una gravissima negazione della libertà di espressione e soprattutto abbiamo finalmente constatato sulla nostra pelle cosa voglia dire che gli enti privati entrino nella scuola pubblica. Adesso gli enti con cui facciamo alternanza hanno diritto di pretesa sulle sanzioni disciplinari, di parola su un percorso formativo di cinque anni. Al liceo classico insegnano a pensare, si dice, ma ora penalizzeranno una classe intera che con il pensiero critico si è opposta al lavoro non riconosciuto e non retribuito. Adesso ci puniscono e vogliono farci pentire della nostra azione. Noi invece siamo consapevoli che in quel museo non solo abbiamo portato a termine il nostro lavoro ma abbiamo anche sensibilizzato le persone riguardo un problema che vivono tutti gli studenti e le studentesse, quindi non possiamo che esserne fieri. L’alternanza non ci piace, non ci è mai piaciuta e dopo tre anni di esperienza ne siamo solo più convinti. Sanzioni e minacce non ci fermeranno dal gridarlo sempre più forte.


SOLIDARIETA’

Solidarietà agli studenti del liceo Vittorio Emanuele II di Napoli

I docenti se ne lamentano nei corridoi: questa alternanza svuota le aule, non ha quasi mai costrutto, non è pertinente agli indirizzi di studio dell’istituto, mette a serio rischio la continuità e la sedimentazione delle nozioni disciplinari indispensabili a costituire una qualunque professionalità e una coscienza critica. I presidi se ne lamentano nel chiuso degli uffici: questa alternanza costringe la scuola a fare la questua tra le aziende e gli studi professionali perché prendano i ragazzi, fa perdere soldi e tempo, mette a rischio studenti e personale, dà rogne burocratiche infinite…

Eppure, in collegio, i docenti “approvano” incondizionatamente e i presidi minacciano sistematicamente provvedimenti e ritorsioni a chi non approvi o dica in palese quel che si sussurra nei corridoi. Il risultato qual è? Che gli adulti pavidi e conformisti hanno lasciato agli studenti e alle studentesse l’onere della denuncia di una pratica che sta stretta a tutti. Uno studente di Carpi che dice “il re è nudo” sui social, viene minacciato di punizione esemplare, sottoposto a interrogatorio, imputato di “reato di opinione”; studenti impiegati di Domenica come guide turistiche protestano per il danno e per la beffa di essere rappresentati come allegri “volontari” che fanno entusiasticamente un lavoro che dovrebbe essere affidato a laureati e diplomati, e per loro si profilano tribunali scolastici, voti bassi in “condotta”, manganellate sul profitto atte a rieducare i “ribelli”…

Nell’esprimere ancora una volta massima solidarietà agli studenti, consapevoli che la nostra vicinanza di docenti in lotta può avere solo un blando potere di deterrenza rispetto alle restrizioni e punizioni annunciate, vogliamo dire ad alta voce che la nostra adulta incapacità di dire il vero e di batterci per quel che ci sta a cuore ci scredita più delle umiliazioni e delle diffamazioni inflitteci dal ministero. La 107 ci ha tolto gli strumenti e i tempi per educare i nostri ragazzi: il coraggio e l’esempio, però, ce li siamo negati e glieli abbiamo negati noi, per autocensura, per viltà, per paura (di che, poi? Abbiamo la Costituzione, dalla nostra!). Vogliamo solo sperare che i ragazzi ci perdonino, o cominciamo a schierarci dalla loro parte e combattiamo questa battaglia al loro fianco, fino a riprenderci la “nostra” Scuola?

COBAS Scuola Napoli

CPS Napoli

Docenti in lotta contro la Legge 107

Bookmark and Share