MPI
USR Veneto
USP Padova
Comune Padova
Provincia Padova
Regione Veneto
Italia - servizi
Europa


Centro Studi per la Scuola Pubblica
via Cavallotti 2 - Padova
tel.049692171 - fax.0498824273
email: info@cesp-pd.it



CESP nazionale
CESP Bologna
Scuola e Costituzione
Rete Scuole
Comitato genitori
Ass. per i diritti dei lavoratori
Cobas della scuola
Normativa
  

Sito dalla scuola e per la scuola bene comune, di tutti e per tutti.
Se vuoi ricevere INFO_azione a cura del CESP di Padova invia una mail qui oppure visita il forum

martedì 23 gennaio 2018, di cesppadova

documentazione

BALLATA PER IL 27 GENNAIO – GIORNATA DELLA MEMORIA

di Giulietta Poli


BALLATA PER IL 27 GENNAIO – GIORNATA DELLA MEMORIA

di Giulietta Poli - Insegante Scuola Primaria - Padova

Mio Padre fu un ex deportato.

In Germania prigioniero, suo malgrado, fu portato.

Era soltanto un soldatino.

Aveva poco più di 20 anni poverino!

Dissero NO! insieme tutti quei soldati

e per non aver collaborato furon deportati.

Tornò dopo due anni ,fortunosamente

Non aveva neanche più capelli …niente niente.

Ricevette una Medaglia d’Onore per quel torto.

Peccato però che egli era già morto.

La croce di ferro che invece ricevette da vivo

non lo lasciò per niente giulivo.

“Sette anni di vita regalati”

diceva sempre “Con un pezzo di ferro mi son tornati”

Là in Germania c’eran molti “campi “, con rigidi quadranti

Morti a destra e a manca, indietro e avanti.

Fumo che saliva dalle ciminiere

portandosi via migliaia di vite intere.

Qualcuno c’è l’ha fatta ed è ritornato

e tutto questo orror ci ha poi raccontato.

Hanno ucciso milioni di persone… si sa come …

molte fra lor rimaste senza nome.

Le hanno uccise per la razza, per le idee…per la religione….

Terrificante è questa questione!

Noi però, in nome dei morti e dei sopravvissuti,

non possiamo certo restar muti!

Anche dopo un secolo…dopo quello

resta ,se non sei scemo, il tuo cervello.

La verità non ha tempo : anche dopo molti anni

qualcun ricorderà tutti quegli affanni.

C’era ,per esempio, ragazzi , a quei tempi , una bambina

che si chiamava Anna… poverina.

Scrisse un magnifico Diario che anche oggigiorno

ci ricorda quei tempi orrendi … giorno per giorno.

Morì in un campo… di stenti… fame… malattia

E nessuno il suo ricordo ci può portare via!

“SIAMO TUTTI ANNA” ha scritto qualcuno

e a ciò non può opporsi proprio nessuno!

C’era anche la ragazza Micol in un gran giardino

raccontano in un bel libro ma nessuno fu più a lei vicino.

Ragazzi e bambini del duemila…

senza paura… voi ed altri centomila.

Ricordate ciò con tutto il vostro fiato ….

Pensate a quel che i nostri Avi ci hanno lasciato.

La LIBERTA’ è una grande conquista

che non può esser cancellata dalla lista.

Han combattuto in tanti… in troppi

e sul lor percorso hanno avuto molti …troppi intoppi.

Son passati molti decenni…Ma…però

dimenticare certo non si può.

Ricordate, ragazzi, questo è il tema….

con molto coraggio e non come una cosa estrema!

Ricordate che al Mondo siamo tutti uguali.

E che ognun di noi ha le sue ali!

Ricordate, ragazzi ,che è pur vero

la vera vita non può essere un mistero.

Grazie ragazzi ….se ascolterete questo

nessuno Essere Umano vi sarà mai indigesto!

Ricordate questa data bella

che ha cancellato quella brutta gialla stella.

Come ha cancellato tutti gli altri abusati colori

che oggi, speriamo, per sempre fuori.

Fuori dalle idee malsane… dalla sciocca politica….

Questa è la vera e sana vita!

Così allora appariranno per voi nel cielo sereno

i veri sette colori dell’arcobaleno!

Padova 21/1/2018

Bookmark and Share