Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

Il diario scolastico con MALALA e l'assessore Donazzan - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home page > materiali > Il diario scolastico con MALALA e l’assessore Donazzan

discussione

Il diario scolastico con MALALA e l’assessore Donazzan

di Giulietta Poli

sabato 17 settembre 2016

Il diario scolastico con MALALA e l’assessore Donazzan

di Giulietta Poli - lettera al Mattino

Ho appreso con sgomento e costernazione le reazioni “scomposte” (ivi comprese le dichiarazioni fuori luogo e a dir poco sgradevoli dell’Assessore Regione Veneto Donazzan “alcuni genitori hanno preso con sconcerto l’iniziativa della scuola, sconcerto che non mi sento di condannare e che ci dà la misura della legittima esasperazione che un po’ tutti noi percepiamo per la svendita della nostra cultura e della nostra identità, a favore della promozione di altre culture. Tutto questo lo ritengo un segnale di forte debolezza!” ) in merito al diario scolastico distribuito nell’Istituto REZZARA di Carrè-Chiuppano-Zanè (Vicenza ) con i disegni di Malala in copertina.
Malala Yousafzai è la giovane pakistana vittima nel 2012 di un grave attentato talebano per il suo impegno in favore dei diritti delle bambine e delle adolescenti … Malala è Premio Nobel per la Pace 2014!!!

Sono insegnante di scuola primaria c/o il 7° IC Comprensivo San Camillo di Padova ... da decenni mi occupo di progetti accoglienza – Intercultura – Diritti ... collaboro da anni con Unicef su focus specifici di diritto allo studio per le bambine in particolare e con altre Associazioni attive sui Diritti Umani ... Malala per me è un mito e l’annovero fra i miei contatti ... guai a chi mi tocca Malala!!!.
Ma ahimè… “l’ignoranza” e i preconcetti sono una pessima maestra!
Mi risulta che le immagini a corredo nel ciato diario siano il frutto di un percorso didattico che ha coinvolto i ragazzi dell’istituto e che nel medesimo diario compaiano altre figure di donne note per il loro impegno civile.
Questo episodio riprovevole è indice di un brodo culturale nefasto, da machismo tribale, profondamente conservatore ed antidemocratico che pervade, a mio modesto avviso, ogni settore del Paese; la scuola in primis sta subendo pesanti contraccolpi.

Vengono rimessi in discussione i più elementari diritti umani in nome di una paventata necessità di sicurezza, creando, in realtà, allarmismo sociale e pericolose contrapposizioni e rimettendo in discussione anche le forme più ovvie di solidarietà sociale. Prima di fare aberranti dichiarazioni sui social (??!!) e prima di “comprenderle e giustificarle” sarebbe il caso di informarsi su chi è Malala … su quello che ha fatto e continua a fare …. A prescindere che indossi o meno il velo islamico.

Una ragazzina coraggiosa ed eroica …. Come IQBAL MASIH - Pakistan - (1983 – 1995) eroe della lotta contro il lavoro minorile schiavizzato ucciso dalla mafia dei tappeti a 13 anni….. come NKOSI JOHNSON - Sud Africa (1989-2001) attivista e simbolo della lotta contro l’AIDS – morto a 13 anni di AIDS contratto dai genitori.

A volte … anzi quasi sempre, il mondo sarà salvato dai ragazzini che hanno molto da insegnare a noi, adulti volutamente inconsapevoli e silenti. Sarebbe anche il caso di informarsi e di valorizzare le Buone Pratiche che la Scuola Pubblica mette in atto, da sempre!
Ma per un manipolo di genitori inviperiti e per un Assessore che fomenta il dubbio (e l’odio! ) invece che neutralizzarli tutto ciò può risultare ininfluente.

Purtroppo per la Società Civile e per la Scuola Pubblica!!!

Giulietta Poli – Insegnante Scuola Primaria – Padova