Home Centro studi per la Scuola Pubblica - CESP Padova Home

MOBILITA' - TRASFERIMENTI 2011/12 - Centro Studi per la Scuola Pubblica di Padova
Home > cobas scuola di padova > MOBILITA’ - TRASFERIMENTI 2011/12

contrattazione

MOBILITA’ - TRASFERIMENTI 2011/12

e vai si gira.......

venerdì 25 febbraio 2011

MOBILITA’ - TRASFERIMENTI

L’accordo è stato raggiunto
senza alcuna
modifica rispetto alla pre-
intesa del 16 dicembre 2010.
I docenti
interessati, tranne quelli dell’
infanzia, dovranno
presentare i moduli
on line. La Uil non firma:
mentre ci sono forti
tagli sugli organici,
così non si tutela chi perde
posto. Il 24
febbraio è stata emanata
l’apposita ordinanza
ministeriale, trasmessa
con la nota prot. 1570.

Come preannunciato, nella serata del 22 febbraio è stato sottoscritto in via definitiva il Contratto collettivo nazionale integrativo per il 2011-2012 che regola i trasferimenti e la cosiddetta mobilità professionale (passaggi). i sindacati hanno comunicato che l’accordo è stato raggiunto "senza alcuna modifica rispetto alla pre-intesa del 16 dicembre 2010". Il 24 febbraio il Miur ha diffuso l’apposita O.M. firmata dal ministro Gelmini. Tutte le domande andranno presentate entro il 21 marzo 2011.

Per il personale della scuola primaria,
secondaria sia di primo sia
di
secondo grado, le domande verranno
presentate obbligatoriamente
on
line. Il personale docente della
scuola dell’infanzia, il
personale
educativo ed il personale Ata
continuerà invece a
presentare le domande
per via cartacea. Oltre il
termine di scadenza
del 21 marzo potrà
presentare domanda, su carta,
esclusivamente il
personale docente,
educativo ed Ata dichiarato
soprannumerario nella
propria scuola per
riduzione di organico.
La
registrazione al sistema
“Polis”, operazione
preliminare alla
presentazione della domanda,
dovrà essere effettuata
solo da chi non è
ancora registrato al
sistema.Da quest’anno sarà
possibile anche
gestire i dati anagrafici
dei docenti residenti all’
estero. Una delle
novità più rilevanti
riguarda la possibilità di
compilare liberamente
gli allegati, nei
formati più comuni, ed
importarli nella domanda,
senza più l’obbligo
di compilare gli allegati
predisposti dal Miur.
L’
accordo è stato
sottoscritto da tutti i
sindacati, ma non dalla Uil
Scuola, che ha
confermato la sua
contrarietà per un "contratto che,
mentre ci sono
forti tagli sugli
organici, non tutela chi perde
posto". Il
riferimento del sindacato
guidato da Di Menna è alla
mancata volontà
del Miur di "mantenere tutti
i titolari nelle scuole
salvo spostare
solo quegli insegnanti per i
quali, a settembre, ci
siano posti
effettivamente disponibili" e al
contestuale rifiuto del
dicastero di
viale Trastevere di "dare la
precedenza a chi si sposta
non per sua
scelta ma perché non ha più il
suo posto di lavoro".

Intanto c’è chi
sottolinea come il Ministero, con
la lunga attesa
sulla pubblicazione
dell’ordinanza, ha creato
difficoltà e dato meno
tempo a disposizione
per la presentazione delle
domande.

IN ALLEGATO L’ORDINANZA